Aborto: una proposta di legge per farmacisti obiettori

OggiScienza

https://www.google.it/search?site=imghp&tbm=isch&q=pharmacist&tbs=sur:fc&gws_rd=cr&ei=XDKSV-6SCMLveKyyv-gO#gws_rd=cr&imgrc=fiPL6vWSi_jKoM%3A Secondo la nuova proposta di legge se il farmacista ritiene che un certo farmaco sia in grado di provocare un aborto, potrebbe decidere di non dartelo anche se lo chiedi con regolare ricetta medica.

GRAVIDANZA E DINTORNI – Immaginate la scena. Una giovane donna entra in farmacia con una ricetta medica per il misoprostolo, un farmaco antiulcera. Il farmacista legge la ricetta, guarda la donna. Rilegge la ricetta, riguarda la donna. Infine, le dice che non può darle il farmaco richiesto: è un obiettore di coscienza, lui, e il misoprostolo – assunto a dosi più elevate di quelle previste per il trattamento dell’ulcera – potrebbe provocare un aborto se la donna fosse incinta. Si tratta infatti di una sostanza in grado di stimolare contrazioni dell’utero che potrebbero portare all’espulsione di un embrione o di un feto. Non importa che la donna abbia davvero l’ulcera e che il suo medico…

View original post 1.731 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli su vari argomenti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...