La meritocrazia secondo Della Loggia

da Il Fatto Quotidiano di giovedì 9 dicembre

La meritocrazia secondo Della Loggia

 

di Alberto Burgio*

 

     L’editoriale di Ernesto Galli della Loggia, apparso sul Corriere della Sera di lunedì sotto un titolo barricadiero (“Il potere grigio degli oligarchi”), è molto interessante. Chi, depistato dalle prime righe, avesse rinunciato a leggerlo per risparmiarsi l’ennesima giaculatoria pro-Gelmini, si sarebbe perso uno di quegli esercizi di (il)logica propagandistica nei quali gli opinionisti della “grande stampa” eccellono. La Gelmini non c’entra, anche se qua e là Galli allude all’università, riprende la tesi governativa della strumentalizzazione dei movimenti di protesta   e puntualizza che gli studenti che hanno bloccato gli atenei sono appena “poche decine di migliaia” di estremisti che, guarda caso, agitano “parole d’ordine di sinistra”. Come se a mobilitarsi non fossero sempre minoranze attive e l’importante fosse il numero dei manifestanti piuttosto che la capacità di interpretare uno stato d’animo diffuso. Ma l’università e l’attacco agli studenti sono un pretesto per parlare d’altro. Di gerontocrazia, oligarchia e meritocrazia. E per trarre da premesse condivisibili conclusioni stravaganti.  

   Le premesse sono queste: siamo in un Paese “sempre più dominato dai vecchi”. Vero. “Il potere italiano è un potere vecchio e di vecchi”. Vero. Vero anche che i vertici delle istituzioni pubbliche e private (università, banche, partiti e consigli di amministrazione) sono appannaggio di castee resi inaccessibili agli outsider da dispositivi formali e informali che proteggono chi è già interno all’élite o gode di “appoggi potentissimi”. La nomenklatura, insomma, si riproduce per partenogenesi. Ma, detto tutto questo (a ragione), con chi se la prende Galli? Con i “tre pilastri della burocrazia statale”: il principio della carriera, il legalismo dei Tar e, soprattutto, l’ostilità (“generale” e nientemeno che “feroce”) al merito. Qui casca l’asino. Siccome il ragionamento si ferma all’accorata denuncia del (presunto) nesso tra gerontocrazia e mancata valorizzazione dei meriti, sembra di capire che secondo Galli la selezione meritocratica   della classe dirigente provocherebbe un ricambio generazionale: quel passaggio del testimone dai vecchi ai giovani che i primi, comprensibilmente, ostacolano. Ma questo è vero solo se la selezione è limitata in partenza all’élite, se riguarda soltanto chi è già (per diritto di nascita) “destinato” ad affermarsi. È vero cioè se si tratta della trasmissione ereditaria dei privilegi, antitesi della meritocrazia.  

   Al contrario, una vera selezione meritocratica non è detto che determinerebbe un ricambio generazionale (ci sono molti “vecchi” più bravi di tanti giovani), mentre è certo che causerebbe un terremoto sociale. Diceva quel facinoroso di Rousseau che solo i servi possono pensare che chi comanda o possiede grandi ricchezze sia per ciò stesso migliore di chi è costretto a obbedire o è povero. Non serve grande fantasia per intuire che una società in cui i genitori tramandano ai figli patrimoni e posizioni sociali (o ben avviate e lucrose professioni) uscirebbe trasfigurata da un bagno di vera meritocrazia. La quale imporrebbe di mettere davvero ciascuno in condizione di istruirsi e di dar prova delle proprie capacità. E con ogni probabilità riserverebbe a molti ottimati l’amarezza di assistere ai fallimenti della propria prole.

   C’È DA CHIEDERSI allora perché il discorso sul merito stia tanto a cuore a chi non è noto per aspirazioni rivoluzionarie. La risposta è semplice: la meritocrazia di cui si ama parlare è un bidone o – scegliete voi – una sfrontata provocazione. È una scatola infiocchettata dentro la quale non c’è solo la pretesa di conservare i vantaggi di cui si gode “per grazia ricevuta”, ma anche quella di esserseli meritati. Del resto è una lunga storia, vecchia di due o tre secoli. Abbattute le caste nobiliari, la borghesia   si trovò ben presto a dover giustificare l’emarginazione imposta al quarto stato. Allora i talenti vantati per spodestare l’aristocrazia furono invocati anche per legittimare la subordinazione delle classi lavoratrici. Peccato che i frutti avvelenati di questa geniale trovata furono il razzismo e il darwinismo sociale.

   *professore di Storia della Filosofia all’Università di Bologna

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità e Cultura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...