Stato e mafia: le dichiarazioni del PM Sabella – continua

Il Pm Sabella, all’epoca cacciatore di mafiosi, ripensa con Marco Travaglio la sua storia di magistrato alla luce delle nuove indagini della procura di Palermo sulla trattativa Stato-mafia al tempo delle stragi:

  • il ruolo equivoco del Ros,
  • la strana sciatteria nelle indagini su alcuni uomini di Provenzano,
  • le prime ammissioni del pentito Brusca su trattative tra Stato e mafia poi accantonate,
  • le calunnie al procuratore aggiunto Loforte
  • l’incoraggiamento alla dissociazione dei boss per far loro evitare il 41 bis.

Da Il Fatto Quotidiano di martedì 10 novembre.

UN GIUDICE STRITOLATO DALLA TRATTATIVA

La storia di Alfonso Sabella, il pm cacciatore di boss, mandato ad occuparsi di reati comuni

di Marco Travaglio   

ALFONSO SABELLA è nato a Bivona (Agrigento) 46 anni fa. Magistrato dal 1989, è un cane sciolto, mai iscritto ad alcuna corrente della corporazione togata.
Prima fa il pm a Termini Imerese, poi dal 1993 alla Procura antimafia di Palermo diretta da Gian Carlo Caselli. Si specializza nella cattura dei latitanti:
insieme alle forze dell’ordine, soprattutto alla Polizia di Stato e alla Dia, ha acciuffato Leoluca Bagarella, Giovanni ed Enzo Brusca, Pietro Aglieri,
Nino Mangano, Vito Vitale, Mico Farinella, Cosimo Lo Nigro, Carlo Greco e decine di altri fra capimandamento, killer stragisti e potenti uomini d’onore.
Ed è proprio davanti a lui che Giovanni Brusca mette a verbale le prime dichiarazioni sulla trattativa del Ros con la mafia che, disse l’esecutore materiale
della strage di Capaci, produsse quella di via d’Amelio perché “siamo stati pilotati dai Carabinieri” (a quella stagione da film, Sabella ha dedicato un
libro avvincente, “Cacciatore di mafiosi”, scritto con Silvia Resta e Francesco Vitale, Mondadori, 2008).    Nel settembre del 1999 si trasferisce a Roma,
al ministero della Giustizia, come magistrato di collegamento con la commissione parlamentare Antimafia. Nello stesso anno Caselli diventa direttore del
Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria: la direzione delle carceri, presso il ministero della Giustizia) e lo prende con sé come capo dell’ufficio
ispettorato, da cui verrà cacciato nel 2001 dal nuovo capo Giovanni Tinebra, dopo aver ostacolato le manovre per arrivare alla “dissociazione” dei boss
detenuti. Intanto è rimasto coinvolto suo malgrado nelle indagini della Procura di Genova sulle violenze commesse anche da alcuni agenti della polizia
penitenziaria nella caserma di Bolzaneto, anche se lui in quel mentre era da tutt’altra parte. Una vicenda molto oscura, che gli stroncherà la carriera
anche grazie a un verdetto molto sbrigativo del Csm. Nel 2002 viene trasferito alla Procura di Firenze, dove gli levano la scorta mentre la mafia progetta
di assassinarlo e viene relegato a occuparsi di reati comuni. Oggi è giudice al Tribunale di Roma.    Da quando, quest’estate, sono emerse le nuove prove
delle trattative fra Stato e mafia nel 1992-‘93, fino al papello consegnato da Massimo Ciancimino che dimostra il ruolo “trattativista” di Bernardo Provenzano
dal 1992 in poi, Sabella ha riletto la propria biografia in quella chiave. Le singolarissime coincidenze che hanno rovinato la sua vita gli appaiono oggi
come tanti tasselli di un unico mosaico. E, “a costo di apparire paranoico”, ha accettato di parlarne al Fatto Quotidiano. Perché la conclusione che ne
ha tratto è agghiacciante: quella di essere stato sacrificato sull’altare di una trattativa che passava sulla sua testa, come su quella di 60 milioni di
italiani, ma che lui era riuscito più volte, spesso volutamente e ancor più spesso involontariamente, a ostacolare. La sua tesi è semplice e spaventosa,
per molti versi coincidente con quella dell’attuale Procura di Palermo: da quando, come appare sempre più plausibile, Provenzano consegnò al Ros dei Carabinieri
la testa di Salvatore Riina grazie alla mediazione di Vito Ciancimino, il vecchio “Zu Binu” divenne un intoccabile. Una sorta di garante della Pax Mafiosa
che, nel novembre del ’93, segnò la fine del biennio stragista e l’inizio della Seconda Repubblica. Un padre della Patria. Infatti il Ros non perquisì
il covo di Riina, che poteva avervi conservato le prove della trattativa e del “papello”. Poi mandò a monte il possibile arresto di Provenzano nel novembre
del ’95 in un casolare di Mezzojuso (almeno secondo le accuse del colonnello Michele Riccio, sulle quali è in corso a Palermo il processo al generale Mario
Mori e al colonnello Mauro Obinu per favoreggiamento alla mafia). E poi tante altre coincidenze, come il ritorno a delinquere di famosi pentiti e le ricorrenti
trattative per favorire la “dissociazione” a costo zero dei boss arrestati, ansiosi di liberarsi del 41-bis e dell’ergastolo. Eccola dunque la trattativa
story attraverso le coerentissime incoerenze della carriera di Sabella. Una storia in sette atti.    ATTO I    I DELITTI DEI PENTITI    Giovanni Brusca,
capomandamento di San GiuseppeJato,fedelissimodiRiina,l’uomochefece esplodere l’autostrada di Capaci, viene arrestato il 20 maggio 1996. “Un paio di mesi
dopo, nel territorio di San Giuseppe Jato rimasto senza boss, si comincia a sparare. Una serie impressionante di omicidi e attentati interni a Cosa Nostra.
E’ chiaro che gli uomini di Provenzano tentano di conquistare il mandamento appena decapitato. Brusca mi dice che, secondo lui, gli attentati sono opera
del pentito Balduccio Di Maggio. Cioè dell’ex autista di Riina, poi passato dalla parte di Provenzano, quello che si era preso il merito di aver fatto
catturare Riina il 15 gennaio 1993 e che, nelle sue prime dichiarazioni rese ai Carabinieri di Novara una settimana prima, l’8 gennaio 1993, aveva incredibilmente
sostenuto che Provenzano era morto! MailRossfornarelazionisurelazioniincuisostieneche i delitti sono opera degli uomini di Brusca (cioè di Riina) per screditare
Di Maggio (cioè, secondo me, Provenzano). Acquisisco informazioni e scopro che non è vero niente: è probabile invece che Di Maggio – coperto dal suo programma
di protezione – sia tornato in zona per riprendersi il mandamento armi in pugno.    E che altri due collaboratori-chiave sulla strage di Capaci, Santino
Di Matteo e Gioacchino La Barbera, l’abbiano seguito. Il Ros è molto tiepido, ma io del Ros non mi fido: l’ho sempre tenuto alla larga dalle indagini sulla
cattura dei latitanti, preferendo appoggiarmi sulla Squadra mobile e a un certo punto ho anche chiesto che il Ros non si occupi più delle ricerche di Bernardo
Provenzano (quel che poi ha raccontato il colonnello Riccio dimostra che forse avevo visto giusto…)”.    Ma, sul ritorno a delinquere dei pentiti, anche
la Procura di Palermo è dubbiosa: Brusca non è ancorauncollaboratoredigiustizia,masoltantoun “dichiarante”; poco prima di essere arrestato e di iniziare
a collaborare, aveva progettato un complotto contro il presidente della Camera, Luciano Violante, per accusarlo falsamente di averglipromessol’impunitàincambiodiaccuse
adAndreotti;epois’èscopertochehacercatodi coprire il boss Vito Vitale, suo successore a capo del mandamento di San Giuseppe Jato, coinvolto in gravissimi
delitti. In più si teme che stia tentando di screditare Di Maggio, uno dei pentiti-chiave del processo Andreotti appena iniziato. E poi, se l’Arma che
ha in custodia Di Maggio non segnala nulla di strano, perché preoccuparsi? “Io però insisto con Caselli perché si apra un’inchiesta sul possibile ritorno
di Di Maggio”.    Caselli dispone un’inchiesta “aperta”: sia sull’ipotesi affacciata da Brusca, sia su quella di una calunnia contro Di Maggio. Questi
viene interrogato, ma finge di cadere dalle nuvole e si dice pronto a farsi controllare 24 ore su 24, anche se per la legge è un libero cittadino in attesa
di giudizio (in quel periodo –- ma lo si scoprirà soltantopiùtardi–hagiàassassinato,il30agosto 1996,uncertoGiuseppeGiovanniCaffrì).Ilprocuratore aggiunto
Guido Lo Forte chiede ufficialmente al Servizio centrale di protezione, in aggiunta ai Carabinieri, di controllare Di Maggio nel luogo di residenza, in
Toscana. Ma il Servizio (che dipende dal ministero dell’Interno, retto all’epoca da Giorgio Napolitano) non vi presta soverchia attenzione: infatti non
s’accorge né delle trasferte di Balduccio a San Giuseppe Jato, né dei suoi contatti con i compari del paese che poi si scopriranno coinvolti nei suoi delitti.
La Procura dispone anche l’obbligo di firma e una serie di accertamenti. Dai quali però non emerge nulla.    “Ho poi avuto notizia che, giusto in quel
periodo, fra giugno e luglio 1997, il Ros avrebbe organizzato un misterioso incontro in Toscana fra Di Maggio (che invece doveva essere strettamente controllato
proprio per impedire contatti con i vecchi compari) e l’allora mafioso libero Angelo Siino, l’ex ‘ministro dei lavori pubblici di Riina’, confidente del
Ros. Il 16 luglio 1997 disponiamo l’intercettazione di Di Maggio, affidando le operazioni alla Dia e non al Ros. E così facciamo con La Barbera e Di Matteo.
Intanto, il 25 settembre 1997, il fratello maggiore di Giovanni Brusca, Emanuele, che vive libero a San Giuseppe Jato, si presenta da me e mi conferma
che Di Maggio è tornato. Scopriremo poi che Balduccio ha fatto sparare ad altri due uomini vicini a Brusca: il 7 agosto 1997 all’imprenditore Francesco
Costanza (fedelissimo di Brusca, guardacaso odiato da Sii-no), salvo per miracolo, e il 24 settembre a Vincenzo Arato, morto ammazzato. Ma noi ancora non
possiamo saperlo. Nel dubbio, comunque, decidiamo di arrestare tutti i mafiosi vicini ai tre pentiti, ma anche quelli vicini a Brusca, sui quali abbiamo
elementi sufficienti d’accusa. Per fare terra bruciata intorno a entrambi i clan che si fronteggiano. L’operazione dà i risultati sperati: i tre, senza
più contatti sul territorio, sono costretti a venire allo scoperto. E le intercettazioni confermano spostamenti più che sospetti. Ai primi di ottobre arrestiamo
Giuseppe Maniscalco, che confessa subito di essere uno dei killer di Balduccio a San Giuseppe Jato e inizia a collaborare: ci rivela di essere in stretto
contatto conProvenzanoecheisuoiamiciDiMaggio,LaBarbera e Di Matteo hanno profittato dell’arresto di Brusca per riprendersi il controllo del mandamento.
Così li arrestiamo tutti e tre e li facciamo espellere dal programma di protezione. Fine della storia, almeno per un po’. Ma c’è un particolare che, di
recente, mi è tornato alla mente e ho riletto in chiave diversa, alla luce delle ultime scoperte sulla trattativa”.    Un particolare che riguarda Maniscalco,
uomo di Provenzano: “Era stato lui, nel 1992, ad avvertire Di Maggio che Riina lo voleva morto salvandogli la vita: infatti Balduccio era fuggito a Borgomanero.
Per gratitudine, Di Maggio non aveva mai parlato di Maniscalco, diversamente da La Barbera e Di Matteo, che inizialmente l’avevano accusato di essere mafioso,
salvo poi fare retromarcia, scagionarlo e farlo assolvere al processo di primo grado. Ricordo perfettamente che il Ros venne a chiedere alla Procura di
non fare appello contro quella sentenza che assolveva Maniscalco. Cioè un uomo di Provenzano (Maniscalco, quando inizierà a collaborare, consegnerà due
‘pizzini’ che gli aveva inviato zu’ Binu per invitarlo a liberarsi di Vito Vitale, uomo di Brusca e Riina, ndr). E quando propongo di arrestarlo per gli
omicididiSanGiuseppeJato,mivienedettoinProcura che era un confidente del Ros. Alla fine Caselli decide di farlo arrestare ugualmente e, dalla sua collaborazione,
si scopre che i killer di San Giuseppe Jato sono, oltre a lui e ai tre pentiti, almeno altri due confidenti dell’Arma: Michelangelo Camarda (‘fonte’ del
colonnello Giancarlo Meli, comandante del Gruppo carabinieri di Monreale e legatissimo al Ros) e Nicola Lazio (che mi hanno detto essere confidente del
Ros)”. Ora, con quel che sta emergendo sulla “trattativa” del Ros con Vito Ciancimino, Sabella s’interroga: “Sono paranoico, o sono autorizzato a farmi
certe domande?”.    ATTO II    ROS CONTRO LO FORTE    Le coincidenze non sono finite: sempre nell’ottobre del 1997, mentre sono in corso gli arresti deitrepentitiprovenzanianiedellorogruppodi
fuoco, il capitano del Ros Giuseppe De Donno si recaaCaltanissettaadenunciareilvicediCaselli, Guido Lo Forte, accusandolo di aver passato nel 1991 il rapporto
del Ros su “Mafia e appalti” ad alcuni politici e mafiosi, fra cui Salvo Lima, e di averlo poi insabbiato. La fonte di De Donno è Angelo Siino, già ministro
dei lavori pubblici di Riina, a lungo confidente del Ros e poi ufficialmente “pentito” dal 1997. Accuse e veleni da prendere con le molle, ovviamente.
La Procura di Caltanissetta, diretta da Giovanni Tinebra, iscrive Lo Forte sul registro degli indagati. Un atto segretissimo, che però una fuga di notizie
ben pilotata divulga al quotidiano La Repubblica proprio il giorno prima della prima udienza del processo Dell’Utri, il 5 novembre 1997. Notizia vera,
ma concentrata tutta sul nome di Lo Forte, mentre insieme con lui sono indagati anche altri colleghi, dall’ex procuratore Pietro Giammanco al suo fedelissimo
Giuseppe Pignatone. Così quel mattino, mentre si apre il processo al braccio destro di Berlusconi, tutti parlano dell’inchiesta sul braccio destro di Caselli.
I fatti si commentano da sé. Il 10 ottobre 1997 Siino, da poco pentito, dichiara alla Procura di Palermo che nel febbraio ’95, quand’era ancora un confidente
del Ros, De Donno gli aveva chiesto notizie su Lo Forte; poi il colonnello Mori l’aveva interpellato su alcune brutte voci che circolavano sul conto di
colleghi carabinieri. Lui gli raccontò che nel ’91 il maresciallo Antonino Lombardo (comandante dei carabinieri di Terrasini, all’epoca aggregato al Ros)
aveva tentato di vendergli in anteprima il dossier “Mafia e appalti”, ovviamente top secret, in cambio di denaro. Lombardo si suicidò poco dopo quelle
rivelazioni, il 4 marzo 1995. Appena raccolte le dichiarazioni di Siino, la Procura di Palermo – che ha pure un’indagine aperta sul suicidio Lombardo –
interroga De Donno e Mori. È il 13 ottobre 1997. I due ufficiali confermano gran parte delle confidenzecheSiinodicediaverfattoalRos.Ma, quanto all’offerta
del dossier “Mafia e appalti”, sostengono che Siino non la attribuì a Lombardo, bensì al tenente Carmelo Canale, suo cognato. Anche se li invitò a diffidare
anche di Lombardo (la Procura, nella richiesta di archiviazione dell’indagine sul caso Lombardo, crederà a Siino e definirà “quanto meno reticenti” e “contraddittorie”
le dichiarazioni di Mori e De Don-no). A questo punto, colpo di scena: pochissimi giorni dopo la sua deposizione a Palermo, De Donno si reca inopinatamente
a Caltanissetta perraccontaretutt’altraversione:e,cioè,chesecondo Siino la fuga di notizie su “Mafia e appalti” era opera di magistrati: Giammanco, Pignatone,
Lo Forte o altri. E poco dopo la sua deposizione, ovviamente segretissima, la notizia arriva a Repubblica. E’ una dichiarazione di guerra del Ros alla
Procura di Palermo, che creerà contraccolpi mediaticiepoliticianchesulprocessoAndreotti e trasformerà Lo Forte in un’“anatra zoppa” proprio nel momento
più delicato dei processi di mafia e politica, per mesi e mesi, fino al completo proscioglimento di Lo Forte da ogni accusa. Oggi, dopo quel che sta emergendo
sulla trattativa fra Mori e De Donno da una parte e Cianci-mino e i capimafia dall’altra, Sabella si interroga: “Sono paranoico, oppure sono autorizzato
a farmi certe domande?”.    ATTO III    PARLA BRUSCA    Oggi la trattativa Stato-mafia e il “papello” sono sulla bocca di tutti. Ma quando Brusca ne parlò
diffusamente davanti a Sabella, era la prima volta in assoluto. Il boss pentito vi aveva già accennato il 10 settembre 1996 dinanzi ai pm di Palermo, Caltanissetta
e Firenze. Vi aveva fatto di nuovo cenno il 21 gennaio 1998 davanti alla Corte d’Assise di Firenze che stava processando mandanti direttiedesecutorimaterialidellestragidel1993.
Subito dopo fu preso a verbale da Sabella, il 23 febbraio 1998, poi il 22 aprile dello stesso anno e infine il 19 marzo 1999. Gli parlò diffusamente del
papello consegnato da Riina al Ros fra Capaci e via d’Amelio. Gli fece intuire il nome dell’allora (estate 1992) ministro dell’Interno Nicola Mancino a
proposito della “linea morbida” dello Stato fra le due stragi. Gli raccontò che il covo di Riina non era stato perquisito dal Ros nel timore di trovarvi
le carte che provavano la trattativa e che il boss dei boss teneva con sé in cassaforte; e che la cattura di Riina era stata il frutto del tradimento degli
uomini di Provenzano, che l’avevano di fatto consegnato ai carabinieri.    Brusca rivelò pure che, da “indagini interne”, era giunto alla conclusione che,
verso settembre del 1992, un certo Francesco Brugnano aveva, per conto di Provenzano, riferito notizie su Riina al maresciallo Lombardo affinché le girasse
al Ros. Lo stesso Lombardo, infatti, nella lettera lasciata prima di suicidarsi il 4 marzo 1995, aveva citato un proprio contributo alla cattura di Riina,
di cui non c’era alcuna traccia ufficiale. Il 26 febbraio ‘95, proprio pochi giorni prima del suicidio, il cadavere di Brugnano era stato fatto trovare
nel bagagliaio di un’auto sotto la caserma di Terrasini (doveLombardoprestavaservizio).InfineBrusca aveva spiegato a Sabella che nel 1993 si era verificata
una biforcazione fra l’ala Provenzano legata ai partiti della prima Repubblica e l’ala Riina (capeggiata, dopo la cattura di Totò u’ curtu, dal cognato
Leoluca Bagarella) legata alla nascente Forza Italia ideata da Dell’Utri. I tre esplosivi verbali furono secretati da Sabella, in attesa di essere approfonditi.
   Qualche mese dopo, nel rush finale del processo Andreotti in primo grado, Caselli lascia Palermo dopo quasi sette anni e si trasferisce al Dap, nella
Capitale. Sabella, prima di trasferirsi anche lui a Roma, lascia gli esplosivi verbali di Brusca al nuovo procuratore Piero Grasso. Ma, nei cinque anni
della sua gestione, non verranno mai approfonditi.    Oggi che la tesi di Brusca trova conferme da varie fonti, anche esterne alla mafia e dunque insospettabili,
Sabella si interroga: “Sono paranoico, oppure sono autorizzato a farmi certe domande?”.    ATTO IV    LA “DISSOCIAZIONE”    Nel maggio del 2000 Sabella
è capo dell’Ispettorato del Dap. “Un giorno mi chiama il direttore Caselli e mi mostra una lettera firmata dal ministro della Giustizia Piero Fassino.
E’ una richiesta di parere sui colloqui investigativi intrattenuti dal procuratore nazionale antimafia Piero Luigi Vigna con i boss detenuti: Pietro Aglieri,
Piddu Madonia, Salvatore Buscemi e Giuseppe Farinella, che si sono detti disponibili a dissociarsi pubblicamente da Cosa Nostra a costo zero: ammetterebbero
le loro responsabilità, per le quali peraltro sono già stati condannati a numerosi ergastoli, e non accuserebbero nessuno. Prima però Aglieri, a nome degli
altri tre, chiede di poter incontrare Nitto Santapaola, Salvo Madonia, Carlo Greco e Pippo Calò, anch’essi di-sposti a dissociarsi. Mi torna alla mente
un’intercettazione di Carlo Greco che il 18 luglio 1996 parlava col fratelloGiuseppeeilcognatoSalvatoreAdelfio”.Adelfio domandava: “Scusami, ma è meglio
pentito o dissociato?”. E Carlo Greco: “Meglio questo che quello… Ti sei dissociato? Allora gli puoi dire: mi avvalgo della facoltà di non rispondere,
ma mi dissocio. Sì, è vero, facevo parte di questi membri, di queste cose, però non lo voglio fare più. Ho le mie responsabilità. E intanto mi guadagno
uno sconto di pena e mi levano il 41 bis… Perlomeno dieci anni in meno, per queste cose. Minchia, stupido ti pare? Comunque ancora non l’hanno messaquestaleggedelladissociazione,maappenaentrerà
in atto… Saranno pochi quelli che fra pentito e dissociato faranno il pentito. E se metteranno la dissociazione è buono, perché verranno 80 per cento di
pentiti in meno e, invece, se non la mettono ci saranno un altro 80 per cento di pentiti. Perciò c’è da scegliere: quale vuole lei?”. “Faccio poi notare
a Caselli che gli aspiranti dissociati sono tutti dell’area Provenzano. Il quale aveva tutto da guadagnare dalla dissociazione, sia per i suoi uomini,
sia per quelli di Riina, che marcivano tutti quanti all’ergastolo e per giunta ristretti al 41bissenz’alcunasperanzadiuscirnesenondamorti. Questi, gli
stragisti, davano segni di crescente insofferenza e, se avessero ordinato qualche delitto politico rompendo la Pax Mafiosa che durava dal ’93, sarebbe
fallita la strategia della trattativa, della convivenza e della sommersione, costringendo lo Stato a varare qualche legge antimafia. Con la dissociazione,
chiunque avesse aderito avrebbe ottenuto la revoca del 41-bis, sconti di pena con la possibilità addirittura di vedersi trasformare l’ergastolo in una
pena di 30 anni (che poi diventano 20 grazie alla ‘liberazione anticipata’), permessi premio, e così via. Una pacchia, in cambio di nulla. Decidemmo così
di opporci alla dissociazione. Fassino sposò la nostra linea e la comunicò a Vigna”.    Appena la notizia trapelò sui giornali, la Procura di Palermo entrò
in subbuglio: il procuratore Grasso sapeva, ma non aveva detto niente ai suoi sostituti. Così fu costretto a dichiararsi pubblicamente contrario alla dissociazione
dei boss. Ma si scoprì pure che, nel centrodestra, l’idea aveva i suoi bravi supporter: dall’onorevole avvocato Carlo Taormina (Forza Italia), che parlò
addirittura di “soluzione politica” per i mafiosi, ad altri peones mandati avanti in avanscoperta con un apposito disegno di legge presentato in Parlamento
per sondare il terreno. Lette con gli occhi di oggi, quelle avances sulla dissociazione modello-terrorismo, splendidamente illustrate nella chiacchierata
del boss Carlo Greco (“come per i terroristi”), assumono un significato agghiacciante: nel papello consegnato da Ciancimino jr. alla Procura di Palermo,
si parla esplicitamente del “riconoscimento benefici dissociati Brigate Rosse per condannati di mafia”.    Caselli e Sabella pensano di avere stoppato
l’operazione, invece il 6 febbraio 2001 La Repubblica racconta che tutte le mafie d’Italia – Cosa Nostra, ‘ndrangheta, camorra e Sacra corona unita – chiedono
a gran voce la dissociazione e hanno nominato come portavoce unico – per trattare con lo Stato – Salvatore Biondino, il capo del mandamento di San Lorenzo
arrestato il 15 gennaio 1993 sull’auto insieme a Riina. Stavolta la proposta raccoglie un coro di aperture politiche, in parte trasversali. Ma le elezioni
politiche sono alle porte e non se ne fa nulla. Almeno per qualche mese. (1-continua)

In alto, Alfonso e Marzia Sabella A lato, Sabella (all’angolo del tavolo) accanto a Caselli durante la conferenza stampa negli anni 90 a Palermo dopo il
sequestro dell’arsenale Spatuzza

Leggi anche la seconda parte

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...