La legge è quasi sempre efficiente con i disperati, con gli altri funzionano i cavilli procedurali

Questo articolo parla di cose diverse, cioè delle ragioni per cui a Berlusconi non serviranno leggi ad personam per proteggersi dal pagare il risarcimento dovuto alla condanna per corruzione nella cessione della Mondadori alla Fininvest. A me però, ha fatto più impressione quanto Bruno Tinti, ex pubblico ministero, dice all’inizio dell’articolo: la legge è molto indulgente con i ricchi ma brutale con i disperati e che questa è stata la cagione del suo abbandono della magistratura. C’è da riflettere.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità e Cultura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...