L’offensiva finale per conquistare le ultime sacche di resistenza della Rai?

Ormai, tra le Grida di Brunetta e i combinati attacchi del Premier e dei suoi tirapiedi di turno, l’informazione mediatica sta passando un brutto momento, specie se le minacce di avocare al governo l’ultimo placet sui programmi e i loro autori diverranno realtà. E i portaordini dei giornali di regime Non si tirano indietro neanche dal consigliare velatamente all’unisono azioni illegali come quella di non pagare il canone rai. Il punto lo fa in questo articolo sulla Repubblica Curzio Maltese.
Mi piace citare solo una frase che evidenzia, se ce ne fosse ancora bisogno, l’ennesimo macroscopico conflitto di interesse tra un direttore di rete che nello stesso tempo è portabandiera di un giornale filogovernativo:
"Qualcuno poi dovrebbe spiegare come mai il ministro dello Sviluppo, il sottosegretario alle Comunicazioni, la stessa Rai, perfino
il cacciatore di fannulloni Brunetta, non aprono una bella inchiesta sui collaboratori di Giornale e Libero che con la sinistra lestamente prendono lauti stipendi da viale Mazzini e con la destra firmano per giornali impegnati nel boicottaggio della Rai".

LUNEDÌ, 28 SETTEMBRE 2009
Pagina 1 – Prima Pagina
L´analisi     
La resa dei conti con l´informazione       
CURZIO MALTESE   

Comincia nel peggiore dei modi la settimana della difesa della libertà di stampa che si chiuderà con la manifestazione di sabato in Piazza del Popolo. Comincia con Berlusconi che, liquidato con due vecchie e sciocche battute l´incontro con Obama e signora, torna sulla sua ossessiva battaglia per far chiudere
le «gazzette della sinistra» e i pochi programmi televisivi che danno ancora voce a mezzo Paese. Con un governo che, per iniziativa del ministro Scajola,
pretende contro la legge di stabilire direttamente i palinsesti della tv pubblica. Con una destra che, dalle colonne dei due giornali più diffusi e obbedienti
al premier, Giornale e Libero, lancia una campagna per boicottare gli abbonamenti Rai.
La posta in gioco non è la sopravvivenza di Annozero, cui neppure i record di ascolti garantiranno la messa in onda giovedì prossimo. Piuttosto la sopravvivenza
economica e politica nell´Italia berlusconiana di un´informazione critica e di opposizione. Ovvero l´essenza di una democrazia. Se qualcuno o addirittura
la maggioranza pensa ancora che tutto questo sia normale, allora significa che la democrazia in Italia non ha un gran futuro. Il presente è già inquietante.
Non è normale in nessuna democrazia che un governo rivendichi la concessione di nullaosta per questo o quel programma della tv pubblica. Per la verità,
sarebbe illegale anche da noi, visto che la vigilanza sulla Rai spetta di diritto alla commissione parlamentare. Che è sempre presieduta da un esponente
dell´opposizione, proprio per garantire l´indipendenza della tv pubblica dal potere esecutivo. Così era quando la destra era all´opposizione. Ma ora che
è al governo, Berlusconi ha deciso che le garanzie non valgono più e deve essere il governo a vigilare sulla Rai, su se stesso, su tutto, e a decidere
quali programmi mandare in onda. Per farlo ha mandato in campo il ministro dello Sviluppo Economico, Scajola, il quale, invece di occuparsi di uno sviluppo
che non c´è, apre un´inchiesta sull´ultima puntata di Annozero. Accusata dal medesimo di spargere «spazzatura, vergogna, infamia, porcherie». L´accusa
è talmente generica che si ha quasi voglia di dar ragione al ministro. In effetti nell´ultima puntata di Santoro hanno parlato quasi soltanto voci del
centrodestra: il presidente del Consiglio, il ministro Renato Brunetta, il direttore del Giornale, Vittorio Feltri, l´ex opinionista di corte Filippo Facci
e la famosa Patrizia D´Addario, che come qualcuno forse non ricorda, oltre a essere un´amante del premier, è stata candidata del centrodestra alle elezioni
amministrative della primavera scorsa. Sono questi «spazzatura, vergogna, infamia, porcherie»? Può darsi, Ma si tratta di spazzatura portata sulla scena
pubblica da Berlusconi, compreso l´amico Giampaolo Tarantini, oggetto del ben documentato monologo di Marco Travaglio.
Ma si tratta appena di un pretesto. Con la sua iniziativa Berlusconi, attraverso il ministro Scajola, vuol imporre qualcosa di ancora peggio di una censura.
Vuole stabilire un precedente sulla base del quale da ora in poi sarà il governo, cioè il premier, a stabilire i palinsesti Rai. Contro la legge, la decenza
(Berlusconi è sempre il padrone di Mediaset) e la celebre volontà popolare, certificata dal primato di audience, della quale all´occorrenza il plebiscitario
leader dimostra di fregarsene altamente.
Non bastasse, il padrone ha dato ordine ai giornali sottostanti, Giornale e Libero all´unisono, di lanciare una campagna contro il canone Rai. Anche questa
indecente e illegale, perfino per una maggioranza amica degli evasori fiscali, coccolati con infiniti condoni. Come vogliamo chiamarla, ministro Scajola,
porcheria o infamia? Qualcuno poi dovrebbe spiegare come mai il ministro dello Sviluppo, il sottosegretario alle Comunicazioni, la stessa Rai, perfino
il cacciatore di fannulloni Brunetta, non aprono una bella inchiesta sui collaboratori di Giornale e Libero che con la sinistra lestamente prendono lauti
stipendi da viale Mazzini e con la destra firmano per giornali impegnati nel boicottaggio della Rai. Tanto per non far nomi, il neo vice direttore di RaiUno,
Gianluigi Paragone, autore di un editoriale che campeggia nella prima pagina di Libero dedicata a «come non pagare il canone». Non solo la destra ha piazzato
nella mangiatoia della tv pubblica lottizzati d´infimo profilo, ma pretende pure che a pagarli siano i soli elettori del centrosinistra.
L´obiettivo di imbavagliare la stampa d´opposizione viene perseguito con questi metodi frettolosamente sgangherati, quasi provocatori, da servitù affannata
per esaudire, in un modo o nell´altro, i desideri del capo. L´urgenza di Berlusconi di nascondere la sua vera «storia di un italiano» è tale che non c´è
più tempo per mediazioni, per i ricami diplomatici di un Letta o i cavilli giuridici di un Ghedini. Il potere berlusconiano va avanti di spada per tagliare
l´ultimo nodo democratico, la stampa d´opposizione, che lo separa dall´egemonia assoluta. Si tratta di un disegno tanto chiaro che potrebbe capirlo perfino
l´opposizione politica, pur nel suo marasma ideologico. Un´opposizione cui ormai il premier, nel delirio polemico, attribuisce finanche le scritte sui
muri di Milano contro i parà uccisi. Se passano questi sistemi, non ci sarà più margine di trattativa, ma una disonorevole resa. Si gioca molto o tutto
in pochi giorni, da qui a sabato. Poi rimane solo il cartello di fine trasmissioni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...