Se il Cavaliere va a piangere i suoi peccati sulla tomba di padre Pio

Se fosse vero che il Cavaliere volesse dimostrare di essersi pentito del suo libertinaggio andando a piangere sulla tomba di padre pio, non farebbe altro che dimostrare la sua ipocrisia e la sua inconsistente personalità. Scegliere Pietrelcina vuol dire dar credito alla più smaccata superstizione, incarnata da un personaggio che ha diffuso ogni sorta di ignobili commerci sulle sue stimmate, sulle pezzuole insanguinate e simile robaglia. Ma c’è di più. Anche se i più seri fra i cattolici non si lasciassero infinocchiare da una devozione spuntata così all’improvviso tra il suo bel vivere, dubito che i rigori della chiesa non si calmino in cambio di una buona legge sul testamento biologico o sulla promessa di un finanziamento alle scuole private. "la chiesa non fa mai politica" sarebbero pronti a dire, o "la chiesa è sempre disposta al perdono". Non solo: non sono questi i peccati più gravi del Cavaliere: i più imperdonabili sono quelli di aver manipolato a suo vantaggio le istituzioni con leggi ad personam per protegere se stesso e i suoi interessi. Se volesse davvero incamminarsi sulla buona strada, tolga di mezzo queste leggi barriera e si lasci tranquillamente processare.
Da la Repubblica
 
LUNEDÌ, 27 LUGLIO 2009
 
Pagina 1 – Prima Pagina
 
L´analisi
 
Se il Cavaliere perde la fiducia dei cattolici
 
La marcia del cattolico libertino tra squillo, Vaticano e Padre Pio
 
Così il capo del governo vuol recuperare con le gerarchie
 
 
 
 

 

 
 
EDMONDO BERSELLI

Secondo il cinismo della cultura prevalente nel circuito di potere berlusconiano, il cattolicesimo italiano è sufficientemente adulto per saper distinguere fra i comportamenti personali, eventualmente deplorevoli, e la funzione pubblica praticata da un leader politico.

Quindi la prostituzione di regime messa in piedi a Palazzo Grazioli apparterrebbe a uno stile di vita «folk», da considerare con un sorriso di complicità. Si tratterebbe in questo senso di un tocco sovrano di eccentricità, il «Berlusconi´s Touch», in cui il «presidente puttaniere», come il Sultano si è definito, costituisce un gustoso tratto personale, a cui anche i cattolici convenzionali guardano con una sottaciuta simpatia.
Sono bugie, finzioni, mitologie. È la cortina di menzogne che i principali collaboratori del presidente del consiglio, a cominciare dall´avvocato Ghedini, hanno cercato di alzare intorno al capo del governo. Una volta chiesero a Bettino Craxi, rifugiatosi a Hammamet, un giudizio su uno dei suoi numeri due, Giuliano Amato: «Un professionista a contratto», rispose con tutta la malevolenza possibile Craxi. Ora Berlusconi di professionisti a contratto ne ha molti. Ma il suo stile e le sue notti di fiaba sono difficilmente neutralizzabili dai professionisti al suo servizio: e non vengono stigmatizzate ieri soltanto dall´Observer («un governo marcio») e dal Daily Telegraph («premier libidinoso»): la stampa inglese mette in rilievo il tentativo berlusconiano di riguadagnare consenso nei confronti del mondo cattolico meno mondano e più tradizionale, per quel «popolo» ancora convinto delle verità contenute nel sesto e nel nono comandamento.
Ma non sarà il progetto di visitare il sacrario di Padre Pio a sanare la ferita, vera, che si è aperta nella psicologia del cattolicesimo qualunque. Per almeno due terzi dei cattolici italiani, abituati da decenni a trovare un´ancora nella Democrazia cristiana, Forza Italia e il Pdl erano rimasti una garanzia ideologica e «spirituale», anche contro nemici invisibili, «i comunisti» continuamente evocati dallo spirito quarantottesco del Cavaliere. Scoprire la vera qualità dei comportamenti del Capo è stato un trauma.
Perché un conto è conoscere l´impronta culturale delle tv berlusconiane, nate e cresciute cullando il consumismo, l´edonismo, il culto del corpo, tutti i totem di una religione alternativa al magistero della Chiesa, Al massimo i cattolici vecchio stampo, di fronte allo spettacolo di centinaia di centimetri quadrati di epidermide, si vergognano un po´, e si consolano con la versione ufficiale esibita in ogni occasione dai leader di Forza Italia: tutti specializzati nel manifestare un cattolicesimo conformista e pronti a ogni pratica da baciapile per assicurare la loro fedeltà, laica e devota insieme, alla gerarchia..
Per strappare il velo di questa ipocrisia, e rivelare l´insostenibilità di queste acrobazie fra la bigotteria e la spregiudicatezza politica, ci voleva qualche gesto vistoso. Non il pronunciamento di un settimanale assai critico verso il berlusconismo come «Famiglia cristiana» o di altri organi e personalità del cattolicesino conciliare, dossettiano e più meno di sinistra, Ci voleva l´intervento del quotidiano della Cei, «Avvenire», e del suo direttore Dino Boffo. Si può capirne l´importanza e lo spessore anche ex contrario, valutando il silenzio praticamente tombale (e non si tratta di ridicole tombe fenicie) con cui è stato accolto dall´informazione italiana. Boffo ha pubblicato tre lettere, in cui i lettori mettono in rilievo alcuni aspetti critici particolari, Il primo aspetto investe la «sfrontatezza» del premier e l´incongruenza tra vizi privati e pubbliche virtù. Subito dopo viene la critica alla riluttanza della gerarchia a prendere una posizione netta verso lo stile di vita di Berlusconi, cioè riguardo a «comportamenti improponibili per un uomo con due mogli, cinque figli, responsabilità pubbliche enormi e un´età ragguardevole».
II direttore di «Avvenire» non si è tirato indietro. Il Berlusconi licenzioso induce a parlare di «desolazione». Esiste, anzi dovrebbe esistere, un a priori etico che ha valore prima delle strategie politiche e delle dichiarazioni formali, Il «sondaggismo», cioè il consenso volatile costruito dalle indagini demoscopiche ben orientate, non assolve nulla, Ecco, la fiducia che premierebbe comunque il buon cattolico, «il padre di famiglia», che ammette ridendo «non sono un santo» è un´invenzione della scaltrezza dei professionisti a contratto del giro berlusconiano.
In realtà c´è un´Italia cattolica sicuramente moderata ma forse non ancora istupidita dai giochi di prestigio dei maghi della destra. È un pezzo di società poco conosciuto, che non si fa sentire, difficilmente voterà a sinistra, ma è perfettamente in grado di togliere la fiducia a un leader politico, e di sgretolarne la base di compenso, Per questa base cattolica, il pellegrinaggio a Pietrelcina e nei luoghi di Padre Pio contiene una strumentalità talmente plateale da generare addirittura un´insofferenza ulteriore. Il paese, come scrive Boffo a proposito della sfasatura fra il Berlusconi politico e il Berlusconi più ludico, potrebbe sentirsi «raggirato».
Ebbene, la Chiesa è un organismo complesso, e la realtà cattolica non è identificabile con gli stereotipi. Forse in questa occasione i berluscones hanno scherzato troppo con un mondo che in genere conoscono poco, e che negli anni ha dovuto imparare a cambiare ripetutamente l´orientamento del proprio consenso. Il ritiro della fiducia avviene di solito in modo silenzioso. Questa volta potrebbe essere già cominciato, all´insaputa del mondo berlusconiano.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laicità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...