le irrequietezze laiche di Fini

Ormai da un po’ di tempo si notano varie irrequietezze nel personaggio fini. Bisogna dire che, dopo essersi accomodato senza fiatare nel taxi berlusconiano, dà segni di sempre maggiore impazienza nei confronti del guidatore. Lo rimbrotta ogni volta che commette un’infrazione, o perché non dà la precedenza, o per eccesso di velocità, insomma sembra che voglia apprestarsi a strappare la guida al conducente. Ma deve stare attento, i pretendenti sono tanti e determinati e a poco gli varrà l’aiuto dei rimasugli della pattuglia laica liberal-radicale. Perdipiù, se si mette su "Certi terreni", troverà pane per i suoi denti. Per ora ci sono molti "Oh! Ma no! Cosa dice!" di stupore e qualche reazione stizzita di esponenti ecclesiastici. Cito da La Repubblica  di ieri.
C’è Rocco Buttiglione che per reazione sfoggia una perla dialettica come questa: «Noi non diciamo mai che una cosa è vera perché lo dice il Papa. Semmai diciamo che il Papa lo dice perché è vera, e ci impegniamo a dimostrarlo con argomenti ragionevoli».
C’è Mons. Elio Sgreccia che snocciola il solito concetto, un po’ rancido per la verità, della chiesa unico interprete dell’Essenza Naturale dell’Uomo e non si perita di citare i diritti umani, da essa per secoli calpestati, nonché la Costituzione: «I temi sui quali il mondo cattolico intende portare il suo contributo, non sono definibili come precetti religiosi perché riguardano i diritti fondamentali dell´uomo, sono iscritti nella natura umana, difendibili con la ragione e iscritti anche nella Costituzione».
C’è Luca Volonté – Udc, che contro Fini così esplode: «Siamo alla vergognosa e inaccettabile discriminazione dei credenti come ai tempi dei totalitarismi neri del ‘900».
C’è il senatore Quagliariello, specialista in contorcimenti, che è capace di rivoltare la logica come un calzino con frasi come questa: «il vero Stato etico» non è quello in cui è la Chiesa a dettar legge, bensì «quello in cui si pretende di governare per legge ogni aspetto della libertà della persona, sottraendolo alla sua responsabilità».
E infine, in una intervista successiva, il segretario all’welfare, Eugenia Roccella, figlia di uno storico esponente radicale (ahi come possono decadere le generazioni!) è miope o forse strabica quando afferma: «Dove le vede Fini in Italia leggi orientate a precetti religiosi? Non ci sono». Faccia una prova, dal parlamento lo vede il "cuppolone"?
dalla Repubblica


MARTEDÌ, 19 MAGGIO 2009

Nuovo affondo di Fini sulla laicità. Monsignor Sgreccia: la Chiesa non tacerà
 
 
 
Casini: la politica mette al bando i valori. Lupi: Gianfranco vuole lo scontro
 
FRANCESCO BEI

ROMA – Gianfranco Fini si conferma contraltare laico dentro il Pdl. «Il Parlamento non deve fare leggi orientate da precetti di tipo religioso». Una considerazione semplice quella del presidente della Camera, quasi scontata, pronunciata davanti agli studenti delle scuole di Monopoli, ma che riapre nuovamente una polemica accesa tra guelfi e ghibellini. E questo nonostante Fini si auguri che il dibattito sulla bioetica «venga affrontato senza gli eccessi propagandistici che ci sono stati da entrambe le parti», perché si tratta di questioni nelle quali «il dubbio prevale sulle certezze».
Ma la Chiesa cattolica non ci sta. «I temi sui quali il mondo cattolico intende portare il suo contributo – replica monsignor Elio Sgreccia, presidente emerito della pontificia accademia per la vita – non sono definibili come precetti religiosi perché riguardano i diritti fondamentali dell´uomo, sono iscritti nella natura umana, difendibili con la ragione e iscritti anche nella Costituzione». Insomma, secondo Sgreccia «i cattolici hanno tutte le carte in regole per lanciare appelli su famiglia, contro l´eutanasia, contro la gravità aborto». Per tale motivo, «tanto più forte faremo sentire la nostra voce».
A difesa del Vaticano e del "diritto d´ingerenza" si schierano anche l´Udc e i cattolici del Pdl. Manca poco che il centrista Luca Volontè dia del nazista a Fini: «Siamo alla vergognosa e inaccettabile discriminazione dei credenti come ai tempi dei totalitarismi neri del ?900». «Noi – spiega Rocco Buttiglione – non diciamo mai che una cosa è vera perché lo dice il Papa. Semmai diciamo che il Papa lo dice perché è vera, e ci impegniamo a dimostrarlo con argomenti ragionevoli». Interviene anche Pier Ferdinando Casini per difendere «valori e principi» che, sostiene il leader Udc, richierebbero altrimenti di essere messi al bando dalla politica: «Per fortuna che in Parlamento c´è ancora qualcuno che vuole fare battaglie su valori e principi che ormai non hanno diritto di cittadinanza in politica».
Ma Fini, com´è già accaduto in passato, si deve scontrare con l´ostilità e l´imbarazzo che le sue uscite provocano nel suo stesso partito. «Stupito» dalle parole di Fini, si dichiara ad esempio il pidiellino Maurizio Lupi, perché l´ex di leader di An «si pone su un piano di scontro ideologico molto lontano dalla laicità positiva da lui stesso evocata». E critico è anche il senatore Gaetano Quagliariello, paladino della battaglia sul decreto Englaro ed esponente dell´ala teocon del Pdl. Secondo Quagliariello «il vero Stato etico» non è quello in cui è la Chiesa a dettar legge, bensì «quello in cui si pretende di governare per legge ogni aspetto della libertà della persona, sottraendolo alla sua responsabilità». Un discorso che vale «sui temi di biopolitica, dall´eutanasia alle coppie di fatto, dal matrimonio omosessuale al testamento biologico fino a progetti che rasentano l´eugenetica».
Nel centrodestra Fini trova sponda nelle sparute voci laiche rimaste. Come quella di Benedetto Della Vedova, che fa notare come «in una qualunque delle democrazie avanzate» l´affermazione di Fini «sarebbe considerata scontata e pacifica. Invece, in Italia, suscita scandalo e il presidente della Camera, per il solo fatto di averla pronunciata, viene accusato di discriminazione anticristiana». «Pieno sostegno» a Fini anche dal segretario del Pri Francesco Nucara, perché il presidente della Camera «ancora una volta difende al meglio i principi dello Stato laico e della Costituzione». Dall´opposizione si fa sentire Massimo Donadi, capogruppo dipietrista alla Camera: «Apprezziamo le parole di Fini. Peccato che sia una posizione isolata nel Pdl, un partito non solo autoritario, ma ormai anche confessionale».
FRANCESCO BEI E GIOVANNA CASADIO A PAGINA 4
 
Il presidente della Camera difende lo Stato laico, il Pdl: sbaglia
 
Fini: no a leggi dettate dalla Chiesa Il Vaticano: non taceremo sull´etica
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laicità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...